Benvenuti!

cropped-germoglio_seme_santitc3a0.jpg

Il regno di Dio è come un uomo che getta il seme nella terra; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce; come, egli stesso non lo sa. Poiché la terra produce spontaneamente, prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga. Quando il frutto è pronto, subito si mette mano alla falce, perché è venuta la mietitura. (Mc 4,26-29)

Era da tempo che volevo riprendere una mia vecchia abitudine – non so se buona o cattiva – di scrivere qualcosa sui momenti importanti per la mia vita umana e spirituale. Scrivere, d’altronde, è sempre un modo per riordinare le idee o per averne di migliori, come quella di creare questo blog. Il confronto, il dialogo, la condivisione restano la strada migliore per educare la nostra mente, per crescere. Allora ci tenevo a condividere questo appunto, che mi porto dentro da un bel po’, e che mi sembra particolarmente adatto ai nostri tempi.

Siamo semi.
Possiamo essere semi-seri, semi-conformisti, semi-praticanti, addirittura semi-dio. Ci accorgiamo troppo spesso nella nostra vita di essere a metà – e forse ci accontentiamo pure – senza mai però sentirci intimamente completi e soddisfatti di ciò che siamo.

Dovremmo cominciare a pensare, invece, che siamo semi e basta.

Semi raccolti dapprima nella mano di Dio e poi lasciati cadere qua e là sulla terra. Veniamo da Dio e siamo fatti di Dio. Il seme ha in sé la completezza della vita, ha la missione del futuro. Il seme opera nel silenzio della terra, nascosto agli occhi avidi degli uccelli di sventura. Nel grembo del creato continua il suo lavoro, si arricchisce di ciò che gli è necessario, di niente di più. Il seme si contenta del luogo dove si trova consapevole di essere destinato a grandi cose. Fra attese e difficoltà lentamente si consuma, ma non finisce. Muore ma non scompare. Alla morte ci arriva vivo. Solo allora conoscerà appieno il miracolo d’amore racchiuso dentro di sé.