COMMENTO AL VANGELO DELLA III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO /A – DOMENICA DELLA PAROLA DI DIO

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:
«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».
Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».
Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.
Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

VANGELO DI MATTEO (4,12-23)

Uomini di Parola

Con la lettera Aperuit illis, Papa Francesco ha stabilito che questa Domenica sia un’occasione particolare per celebrare, approfondire e divulgare la Parola di Dio. (cfr. Aperuit illis, 2). Per prima cosa dovremmo chiederci: «Che posto occupa la Sacra Scrittura nella nostra vita?». Una risposta potrebbe essere data dal posto che la Bibbia occupa in casa (dando per scontato che tutti voi abbiate una Bibbia in casa!). È fra le enciclopedie impolverate o sul comodino? È importante capire che la Sacra Scrittura non è una storia del passato ma la narrazione della nostra storia, di quella storia d’amore, antica e sempre nuova, fra Dio e l’umanità. Una storia che appartiene a tutti e nella quale tutti possono ritrovarsi.

«La Bibbia non può essere solo patrimonio di alcuni e tanto meno una raccolta di libri per pochi privilegiati» (Aperuit illis, 4). Ce lo insegna Gesù, quando decide di iniziare l’annuncio della Parola nella «Galilea delle genti» (Mt 4,15) cioè in un territorio pagano, fra quelli che venivano considerati lontani e indegni. La Parola del Signore è, quindi, rivolta a tutti e a quelli che l’accolgono è data la possibilità di incontrare la salvezza. «Tutto è indirizzato a questa finalità iscritta nella natura stessa della Bibbia, che è composta come storia di salvezza in cui Dio parla e agisce per andare incontro a tutti gli uomini e salvarli dal male e dalla morte» (Aperuit illis, 9).

Sappiamo quanto sia difficile applicare alla nostra vita il messaggio di Dio ma dobbiamo avere fiducia nell’azione dello Spirito Santo che non riguarda soltanto la formazione della Sacra Scrittura, ma opera anche in coloro che si pongono in ascolto della Parola di Dio.  Per questo motivo all’annuncio del Regno di Dio è legato quello della conversione perché lo Spirito possa trasformare la nostra vita, cambiare la nostra storia: da lettera morta a Parola vivente. Mentre noi leggiamo la Parola ci accorgiamo che in realtà è la Parola a leggere noi, a scrutare la mente e a scendere nel profondo del cuore. Attraverso la Parola siamo stati creati – «E Dio disse…» (Gn 1,26) – e attraverso la Parola siamo salvati.

Ma il Vangelo di oggi ci ricorda anche che attraverso la Parola siamo chiamati. Siamo chiamati da Dio ad annunciare la sua Parola. «La dolcezza della Parola di Dio ci spinge a parteciparla a quanti incontriamo nella nostra vita per esprimere la certezza della speranza che essa contiene (cfr. 1Pt 3,15-16). È necessario, pertanto, non assuefarsi mai alla Parola di Dio, ma nutrirsi di essa per scoprire e vivere in profondità la nostra relazione con Dio e i fratelli» (Aperuit illis, 12). Il mondo aspetta la Parola di Dio, soprattutto quel nostro piccolo mondo lavorativo, familiare, i nostri amici. Annunciare la Parola vuol dire conoscerla, per poi testimoniarla a chi, fra tante parole vuote, ha bisogno di una Parola vera che libera, consola, guarisce, converte e ridona vita. Gesù chiama Simone e Andrea, Giovanni e Giacomo, per farne «pescatori di uomini» (Mt 4,19) ricordandoci che i cristiani sono quelli che vanno a pescare gli uomini che sono nell’abisso del dolore, sommersi dalla miseria e dall’indifferenza. Bisogna pescarli tutti per riportarli alla Luce, a quella grande luce che moltiplica la gioia e aumenta la letizia, così come ci ha ricordato il profeta Isaia nella prima lettura di oggi (cfr. Is 8,23-9,3).

Nel cammino di accoglienza e meditazione della Parola di Dio, ci accompagna la Madre del Signore, riconosciuta beata perché ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le aveva detto (cfr. Lc 1,45). Maria non solo ha dato vita al Verbo ma ha anche donato tutta la sua vita al Verbo. Seguiamo il suo esempio incarnando la Parola nella nostra vita. Leggiamo, approfondiamo, viviamo la Sacra Scrittura e saremo quella parola che il mondo ha sempre tanto bisogno di ascoltare: Amore.

Buon cammino, insieme.

Posted by:don Ivan Licinio

Una risposta a "Uomini di Parola"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...